Catturato latitante Lanzino. Era ricercato dal 2008.

L’ormai ex latitante e’ stato bloccato in un appartamento a Rende. A lui i carabinieri sono giunti dopo mesi e mesi di pedinamenti ed intercettazioni e dall’analisi dei dati acquisiti. Al momento dell’arresto Lanzino non era solo ed i carabinieri hanno fermato una o piu’ persone per favoreggiamento. I particolari dell’arresto non sono stati ancora resi noti. Lanzino era ricercato per quattro ordinanze di custodia cautelare per associazione mafiosa ed omicidio. Nell’aprile scorso, inoltre, era stato condannato all’ergastolo in primo grado dalla Corte d’assise di Cosenza come mandante di due omicidi compiuti nel 1999 e inseriti nell’ambito dello scontro tra cosche di Cosenza e della zona tirrenica per il by Text-Enhance”>controllo degli appalti.

Il boss è stato bloccato in uno stabile in un quartiere signorile di Rende. Il nome di Lanzino era inserito nell’elenco dei 100 ricercati piu’ pericolosi. Nel momento dell’irruzione dei carabinieri, Lanzino non ha opposto resistenza. Insieme a lui c’era quello che gli investigatori indicano come il suo luogotenente, Umberto Di Puppo, che e’ stato arrestato per favoreggiamento. Lanzinoe’ stato bloccato nella stessa zona in cui, nell’aprile scorso, fu arrestato dalla polizia un altro latitante, Franco Presta, ritenuto uno stretto alleato dello stesso Lanzino. I particolari dell’operazione che ha portato alla cattura del latitante saranno resi noti domani nel corso di una conferenza stampa in programma alle 10.30 al Comando  by Text-Enhance”>provinciale dei carabinieri di Cosenza.

Share