Confiscati beni a Luciano Lo Giudice

Calabria, del procuratore generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria e del Procuratore Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. L’odierna operazione di confisca beni, rappresenta una conferma della bontà delle indagini patrimoniali, condotte dall’Ufficio misure di prevenzione della Divisione polizia anticrimine, che hanno evidenziato un “nodo” inestricabile tra usura, attività imprenditoriali ed intestazione fittizia: il prestito usuraio costituiva l’occasione per l’accaparramento ed il dominio di attività economiche, le quali a loro volta rappresentavano sia il volano per incrementare l’attività illecita dell’usura che lo strumento per il controllo mafioso del mercato economico della città; l’intestazione fittizia costituiva il rimedio contro possibili rischi di ablazione del patrimonio così accumulato. Lo Giudice, in virtù della appartenenza al sodalizio mafioso, era così riuscito ad accumulare un ingente capitale, sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati, che costituiscono il reimpiego di proventi illeciti perché acquistati con le risorse illecite della cosca o da quest’ultima ricevuti a titolo di compenso per l’opera prestata. Il Tribunale – Sezione misure di prevenzione, accogliendo le risultanze investigative, ha emesso il provvedimento di confisca dei seguenti beni: otto immobili siti in Reggio Calabria; patrimonio aziendale della ditta individuale denominata “Peccati di Gola di Mogavero Vincenza”con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale della ditta individuale denominata “Peccati di Gola di Lo Giudice Luciano”con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale del ramo di azienda, esercitante attività di commercio al minuto di prodotti ittici, facente parte del patrimonio aziendale della società “Norfish srl” con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale del ramo di azienda, esercitante attività di produzione gastronomica, facente parte del patrimonio aziendale dell’impresa individuale denominata “Smile di Ieracitano Angelica Consolata” con sede in Reggio Calabria ; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della snc “Nautica Spanò di Spanò Pasquale & C ”, esercente attività di costruzione di imbarcazioni da diporto, con sede in Reggio Calabria; patrimonio aziendale e quote sociali formalmente intestate a Cricrì Giuseppe della “Ambrosiana Motori srl”, esercente attività di commercio all’ingrosso ed al dettaglio di auto e moto nuove ed usate, con sede in Milano; patrimonio aziendale della ditta individuale denominata “Legnami Zoccali di Enrico Arillotta”, con sede a Reggio Calabria; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della Società denominata “Zeta Legno srl”, con sede in Reggio Calabria; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della srl “Caffè Garibaldi srl”, con sede in Reggio Calabria; intero capitale sociale e patrimonio aziendale della sas “Caffè Garibaldi di Enacopol Beatrice e C.”, con sede in Reggio Calabria; beni mobili, Conti correnti e polizze assicurative.

 

Share