Gioia Tauro: protesta contro il rigassificatore, bloccata la SS18

Mercoledì 20 Marzo 2013 12:43  — E’ iniziata la riunione del Comitato portuale di Gioia Tauro che dovra’ valutare la richiesta di concessione demaniale fatta dalla societa’ Lng Med Gas che intende realizzare nella seconda area industriale un impianto di rigassificazione. Davanti ai cancelli della cinta doganale e’ in atto la protesta dei movimenti, delle associazioni e dei rappresentanti di alcuni partiti, tra cui il Movimento 5 Stelle, Pd e Sel, che chiedono ai componenti del comitato di votare no alla concessione demaniale. La zona e’ presidiata da centinaia tra agenti di polizia, carabinieri e finanzieri impegnati a garantire l’ordine pubblico sia per quanto riguarda la manifestazione dei comitati per il no sia per cio’ che concerne la regolarita’ dei lavori del Comitato portuale. I manifestanti, infatti, dopo quanto accaduto il 6 marzo scorso, quando era stato impedito con la forza ad alcuni dei componenti di poter partecipare ai lavori, sono stati tenuti all’esterno della cinta doganale. Pochi minuti fa, i manifestanti hanno bloccato la SS18 verso Gioia Tauro.

Share