Gioia Tauro Ucciso in un agguato Francesco Bagalà

26 dicembre – Francesco Bagalà, di 22 anni, già noto alle forze dell’ordine, è stato ucciso in un agguato a Gioia Tauro. Il giovane era in auto quando un sicario gli ha sparato, probabilmente con una pistola. A condurre le indagini i carabinieri che non escludono alcuna ipotesi. Bagalà, nel luglio 2011, fu arrestato per una rissa che precedette un omicidio, quello di Vincenzo Priolo, di 29 anni. Il presunto autore di quel delitto è ancora ricercato. Bagalà era uno studente universitario a Messina e gli investigatori ipotizzano, ma è solo una delle piste che stanno battendo in queste ore, che l’assassinio del 22enne possa essere una “risposta”all’omicidio Priolo. Il giovane è morto sul colpo. Solo una mezz’ora dopo l’agguato una guardia giurata, insospettita dall’automobile sul ciglio della strada, ha lanciato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale Compagnia, che hanno avviato indagini. L’omicidio è avvenuto tra le 2 e le 3 di notte nella centralissima via Sarino Pugliese. La vittima era alla guida di una Fiat Grande Punto bianca, quando qualcuno gli ha esploso contro alcuni colpi di pistola, probabilmente un revolver, centrandolo alla testa e al torace. Dopo essere stato in compagnia di amici, Bagalà ha preso l’auto per tornare a casa. Lungo la strada, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, qualcuno lo ha invitato a fermarsi. Il giovane ha rallentato e quando era quasi fermo, l’assassino gli ha sparato alcuni colpi di pistola uno dei quali lo ha raggiunto alla testa. Gli investigatori al momento non escludono alcuna ipotesi, ma le indagini sono comunque concentrate sull’ambiente nel quale è maturato l’omicidio di Vincenzo Priolo, di 29 ani, ucciso l’8 luglio 2011. Un ambiente, secondo gli investigatori, legato alla criminalità organizzata. Il delitto di Priolo fu preceduto da una rissa per la quale Bagalà era stato arrestato insieme ad altre tre persone pochi giorni dopo l’omicidio. Secondo l’accusa Bagalà, Priolo e gli altri avevano aggredito un altro giovane, Vincenzo Perri, che, secondo l’accusa, poco dopo si sarebbe vendicato sparando e uccidendo Priolo. Perri è ricercato da allora con l’accusa di omicidio. Poche settimane dopo ci fu il tentato omicidio di Giuseppe Brandimarte, di 41 anni, zio di Perri, mentre il 26 febbraio scorso fu ucciso Giuseppe Priolo, di 51 anni, già noto alle forze dell’ordine, nipote, da parte della moglie, di Gioacchino Piromalli, ritenuto il boss dell’omonima cosca, e zio di Vincenzo Priolo.

Share