• Home »
  • Cronaca »
  • Lettera aperta di Luciano Russo sulle polemiche sorte intorno al Premio Gerbera Gialla

Lettera aperta di Luciano Russo sulle polemiche sorte intorno al Premio Gerbera Gialla

faccio mie  le parole della signora Adriana Musella che in fase di premiazione giusto l’altro giorno ebbe a dire che ogni singola persona è responsabile delle proprie azioni ragion per cui anche il Suo solerte collaboratore lo è,come me e come tutti noi.

La cosa che , purtroppo , ancora ad oggi , non ho capito , è il perchè il signor Filippone , tanto zelante nella descrizione della situazione familiare della Preside , non si è premurato di dire che è vero che i fratelli della stessa erano stati arrestati ma è altrettanto vero che gli stessi devono ancora essere giudicati, da liberi cittadini, colpevoli o innocenti che siano; certo non è e non sarà lui l’organo giudicante , ma mi sarebbe piaciuto che il nostro , con lo stesso zelo che ha avuto nel riportare le problematiche familiari di mia sorella non avesse omesso di riportare , come nel mio caso , che a distanza di giorni tre dall’ordine di custodia cautelare nei miei confronti lo stesso G.I.P. che aveva disposto la misura coercitiva emetteva nuovo provvedimento disponendo la libertà , non fosse altro perchè la persona che mi accusava , nella fattispecie il funzionario di Banca Intesa ,  sottoscrivendo  un verbale nel quale attestava che in determinati giorni in cui erano state effettuate delle operazioni bancarie io ero presente in banca e . sotto minaccia , lo avrei costretto a siglare le operazioni , aveva dichiarato il falso , essendo io , proprio negli stessi giorni, ricoverato in una primaria struttura ospedaliera pubblica della provincia per gravissimi problemi di salute e lottando tra la vita e la morte. Volendomi esprimere in termini di legge potrei dire “ in dubbio pro reo”….ma , a quanto pare , il signor Filippone non ha mai avuto alcun dubbio nel voler giudicare le persone senza neanche conoscerle e soprattutto senza conoscere i fatti, tenendo anche presente che è cosi bene informato sugli atti giudiziari…

Ma vi è di piu….nell’edizione di giorno 4 Maggio 2012 , a firma della signora Annalia Incoronato , leggo e riporto quanto pubblicato:

“Due suoi fratelli sono in carcere……..”. Come già accennato all’inizio di questa lettera , Le sto scrivendo da libero cittadino e dalla scrivania del mio studio; molto probabilmente arguisco che i cronisti della Sua testata giornalistica , che le ripeto , mi vedeva fino all’altro giorno assiduo lettore, scrivono articoli senza neanche essere informati e questo , mi creda , mi inquieta non poco , in qualità di lettore , perchè a questo punto ho ragione di pensare che non tutte le notizie che il Suo giornale riporta quotidianamente siano specchio della verità. Non penso che essere giornalista comporti una visione personale e personalizzata degli eventi ; il diritto di cronaca si manifesta attraverso la narrazione dei fatti ragion per cui la funzione della cronaca è quella di informare la collettività ed il primo requisito che la cronaca deve rispettare è la verità dei fatti e la completezza della notizia ;  il dovere di un giornalista è quello di riportare una versione dei fatti che aderisca alla realtà in ogni suo elemento ovvero deve restituire al lettore l’accadimento cosi come si è sviluppato nella realtà. Il cronista , a mio avviso e fermo restando il diritto di cronaca,  dovrebbe essere un tramite tra le realtà dei fatti e l’esposizione degli stessi al lettore e senza eccedere lo scopo informativo; e , dulcis in fundo , nell’edizione del giorno 5 Maggio 2012 Lei prende accoratamente le difese del Suo subalterno dicendo che molto probabilmente si è trattato di un errore su un sottotitolo….basta guardare la prima pagina del giornale per capire se trattasi di sottotitolo oppure di notizia scoop pubblicata a caratteri cubitali….e molto probabilmente, a questo punto , tra di noi c’è qualcuno che sta facendo a pugni con la lingua italiana e in particolar modo con i verbi in quanto scrivere e riportare “Premio Antimafia Shock alla sorella di due detenuti”come titolo principale e poi tra le righe degli articoli “due suoi fratelli sono in carcere” non mi sembra abbastanza corretto e coerente con quanto Lei stesso  ha pubblicato nel Suo editoriale in data 5 Maggio 2012, ed in difesa dei Suoi collaboratori.

Lascio a Lei qualunque altro definitivo commento senza ovviamente alimentare ulteriori polemiche anche perchè , come dicevano i latini , maiora premunt…

Con rinnovata stima per il Suo operato.

Luciano Russo

Gioia Tauro, 6 Maggio 2012

Share