• Home »
  • Cronaca »
  • Localizzata un’altra piantagione di canapa indiana: arrestato il coltivatore

Localizzata un’altra piantagione di canapa indiana: arrestato il coltivatore

canapa 30 giugno30 giugno – riceviamo e pubblichiamo –  Nella continua ed incalzante azione di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, attuata dalla Compagnia carabinieri di Melito Porto Salvo, diretta dal capitano Gennaro Cascone, ieri pomeriggio i militari delle Stazioni di Bova, Roccaforte del Greco e Bova Marina, dopo estenuanti e pressanti servizi di ricerca ed osservazione, hanno sorpreso S. L., reggino di 29 anni, coniugato, coltivatore diretto, all’interno di un fazzoletto di terreno demaniale coltivato con piante di marijuana. L’appezzamento di terreno, sito nelle impervie colline del vecchio abitato di Ghorio, cuore del Parco nazionale d’Aspromonte, ospitava, abilmente celata dalla fitta vegetazione e da teli mimetici, una coltivazione di cannabis indica composta da 300 esemplari di altezza variabile tra i 50 cm e i 2 metri. Un ingegnoso meccanismo di vasche, alimentate da una sorgente d’acqua, garantiva la regolare e puntuale irrigazione del “prezioso raccolto”. Il sito, efficiente e ben organizzato, comprendeva anche una piccola costruzione rurale adibita alla dimora delle piante estirpate e la successiva fase di essiccazione. I militari hanno concluso le operazioni con l’ennesimo arresto del “singolare coltivatore diretto”, resosi responsabile del reato di “produzione, traffico e detenzione illegale di sostanze stupefacenti o psicotrope”, e di conseguenza associato alla Casa circondariale di Reggio Calabria, a disposizione dell’Autorità giudiziaria, nonché con la distruzione della sostanza stupefacente.

Share