• Home »
  • Cronaca »
  • Rosarno. Arrestato Rocco Paladino per detenzione di arma clandestina

Rosarno. Arrestato Rocco Paladino per detenzione di arma clandestina


Si procedeva, quindi, alla perquisizione di un garage sito alla via Ercolano nr. 10, di proprietà dello stesso Paladino e all’interno di un armadietto posto in fondo, nell’angolo sinistro del garage, la Polizia notava la presenza di un sacchetto di plastica bianco che, una volta aperto, risultava contenere una pistola avvolta all’interno di una panno di stoffa. Unitamente all’arma erano presenti due caricatori, di cui uno rifornito di una cartuccia, ed un piccolo contenitore in plastica di colore nero, a forma di parallelepipedo, con all’interno dodici cartucce per pistola.
La pistola rinvenuta risultava essere di calibro 9 PARABELLUM, di fabbricazione ungherese. Le munizioni erano di calibro 9 LUGER.
Si rappresenta che, al fine di non pregiudicare l’esito dei futuri accertamenti, veniva richiesto l’intervento della Polizia Scientifica ed il materiale balistico rinvenuto non veniva materialmente toccato dalla P.G. che stava eseguendo la perquisizione.
Dagli accertamenti svolti è emerso che la pistola era entrata illegalmente nel territorio italiano ed era stata rubata ad un poliziotto polacco.
Il PALADINO Rocco veniva, dunque, tratto in arresto per il reato di detenzione illegale di arma clandestina e ricettazione. Dell’avvenuto arresto veniva informato il Dr. Salvatore DOLCE, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, nella veste di P.M. di turno, che disponeva la sottoposizione di PALADINO Rocco al regime degli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza, con divieto per lo stesso di interloquire con persone diverse da quelle conviventi.
PALADINO Rocco nominava quale proprio difensore di fiducia l’Avvocato Domenico MALVASO del Foro di Palmi con Studio Legale sito in Rosarno.
Nella giornata odierna, l’arresto veniva convalidato dal GIP presso il Tribunale di Palmi, che disponeva la scarcerazione del Paladino, in attesa di ulteriori accertamenti.

Share