Sequestrati beni per 241 mila euro

Beni per un valore di 241 mila euro sono stati confiscati dalla Questura di Reggio Calabria nei confronti di Antonio Galea, di 51 anni. Il provvedimento di confisca è stato disposto dal Tribunale di Reggio Calabria, sezione misure di prevenzione, a seguito di un’indagine che ha colpito la consorteria mafiosa “Rumbo-Galea-Figliomeni”, operante nella Locride e in stretto collegamento con il clan Commisso di Siderno. I beni confiscati comprendono due immobili, un terreno e un’impresa individuale. (AGI)

Share