• Home »
  • Cronaca »
  • TAURIANOVA. I carabinieri individuano i responsabili di furti e danneggiamenti nella scuola “Contestabile”: sono tutti minori

TAURIANOVA. I carabinieri individuano i responsabili di furti e danneggiamenti nella scuola “Contestabile”: sono tutti minori

scuolafurtiVenerdì 25 Gennaio 2013 15:09  – I carabinieri della locale Stazione hanno bloccato tre ragazzi, poco più che bambini, all’interno dell’Istituto Comprensivo “Alessio Contestabile”. Il servizio svolto dai militari dell’Arma era stato appositamente organizzato per reprimere il fenomeno dei furti e dei danneggiamenti che hanno interessato, durante gli scorsi giorni, proprio la scuola elementare. Intorno alle ore 18:30, i carabinieri si sono recati presso la scuola e hanno sorpreso tre ragazzi che già si trovavano all’interno dell’edificio, uno di loro T. N. V., 15 anni, bulgaro, è stato immediatamente bloccato, gli altri due: S. C. E., 16 anni, romeno e S. S. G., 12 anni, bulgaro, sono riusciti a dileguarsi, lasciando cadere a terra del materiale didattico che era stato sottratto, ma sono stati rintracciati subito dopo da personale della Benemerita. Presso le abitazioni dei tre minori sono stati ritrovati dei materiali sottratti alla scuola durante i precedenti furti: una cassa acustica; un registratore; quattro computer; diverse scatole di colori; un microfono, una tastiera per pc; un caricabatterie. I successivi ed immediati accertamenti hanno permesso di rintracciare un altro ragazzino: C. D., 12 anni, presso la cui abitazione è stata trovata una macchina fotografica digitale, asportata appena l’altro ieri. I quattro ragazzi, tutti residenti a Taurianova, alcuni dei quelli sono degli ex alunni della scuola depredata, sono stati accompagnati presso la locale caserma sede del Comando Compagnia e al termine degli accertamenti sono stati denunciati a piede libero e affidati ai rispettivi genitori. Il materiale didattico rinvenuto è stato riconsegnato al responsabile della sicurezza dell’Istituto scolastico. Le indagini sono dirette dal dottor Carlo Macrì, procuratore della Repubblica per i minorenni di Reggio Calabria.

Share