Gioia Tauro, progetto alternanza scuola lavoro

Si è rinnovata, per l’anno scolastico 2016/2017, la collaborazione tra l’Istituto di istruzione superiore “Severi-Guerrisi” di Gioia Tauro-Palmi e la Capitaneria di porto di Gioia Tauro, mirata alla definizione di un percorso di istruzione e formazione caratterizzato da una stretta correlazione tra aule scolastiche  e ambiente di lavoro. Quattro gli studenti coinvolti  che, nel corso del progetto appena conclusosi, hanno avuto l’opportunità di affiancare il personale della Capitaneria di porto nelle molteplici attività che svolge quotidianamente, nei vari ambiti di competenza.

Il progetto, frutto della convenzione stipulata tra il Dirigente scolastico dell’Istituto “Severi-Guerrisi” – Prof. Giuseppe Gelardi – e il Comandante della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, Capitano di Fregata (CP) Francesco Chirico, con il placet della Direzione Marittima di Reggio Calabria, si è proposto l’obiettivo di consentire ai giovani studenti coinvolti un primo approccio al mondo del lavoro, dando loro l’opportunità di implementare le conoscenze teoriche già acquisite con le capacità relazionali e le competenze tecniche che si sviluppano negli ambienti lavorativi, nella fattispecie in quelli in cui opera la Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Gioia Tauro.

L’attività di orientamento e formazione del progetto, coordinata da un tutor appartenente al corpo docente dell’Istituto e da un referente della Capitaneria di porto, è iniziata nel mese di dicembre del 2016 e ha impegnato gli studenti del “Severi-Guerrisi” fino allo scorso 7 marzo con cadenza bisettimanale, nei giorni di lunedì e martedì, dalle ore 8:00 alle ore 13:00.

Sicuri del valore formativo e didattico della collaborazione, già emerso nelle precedenti edizioni del progetto, l’Istituto di istruzione superiore “Severi-Guerrisi” di Gioia Tauro-Palmi e la Capitaneria di porto di Gioia Tauro hanno voluto assicurare agli studenti coinvolti un importante bonus da spendere nel futuro ingresso nel mondo del lavoro, rappresentato dalla stretta interdipendenza tra il “sapere” e il “saper fare”, fattore ormai fondamentale per transitare con successo dalla realtà scolastica a quella lavorativa.

 

Gioia Tauro, 10 marzo 2017

Share