• Home »
  • News »
  • Gioia Tauro Cgil. Approvata all’unanimità dal Consiglio regionale della Calabria della Zona Economica Speciale per il POrto.

Gioia Tauro Cgil. Approvata all’unanimità dal Consiglio regionale della Calabria della Zona Economica Speciale per il POrto.

Non vi è dubbio, tuttavia, che l’istituzione della Zona Economica Speciale possa rappresentare una iniziativa concreta per l’effettivo rilancio industriale del porto e del retroporto di Gioia Tauro attraverso la creazione di un “porto franco” dove le imprese potranno avere vantaggi doganali, fiscali e amministrativi. E’ però necessario evitare qualsiasi operazione propagandistica perché nel corso ormai di lunghi anni troppo spesso si è annunciata una svolta industriale per l’area di Gioia Tauro che poi puntualmente non si è realizzata. A tal proposito vorremmo ricordare l’Accordo di Programma Quadro con un investimento di circa 490 milioni quasi del tutto improduttivo e che ha fatto registrare gravi, incomprensibili e colpevoli ritardi.

 

La ZES agevolerà i progetti di sviluppo dell’Area?  Può essere. La ZES candiderà Gioia Tauro e la Calabria ad un ruolo di protagonista nel Mediterraneo? Sicuramente aiuterà tale prospettiva. Ma le condizioni fondamentali per favorire lo sviluppo industriale e produttivo dell’area di Gioia Tauro rimangono sempre quelle stesse che fino ad ora hanno impedito questo sviluppo: il miglioramento, il potenziamento e l’ammodernamento del sistema infrastrutturale e fin quando, per esempio, non sarà realizzato il gateway ferroviario per un sistema di trasporto efficiente e integrato queste condizioni resteranno solo sulla carta. In questo quadro, è necessario ribadire e sottolineare le responsabilità della società Ferrovie dello Stato che ha considerato Gioia Tauro un ramo secco del trasporto nazionale: basti pensare che nel 2006 erano 2300 i treni merci che partivano e arrivavano da Gioia Tauro e oggi nessuno; oppure che nel 2008 viaggiavano col treno 100 mila container ed oggi neanche uno. Questo è uno dei motivi di fondo, certamente non l’unico,  per cui l’area di Gioia Tauro non è mai divenuta industriale e produttiva. Ed allora la ZES certamente può rappresentare un fatto importante e di rilievo ma il rischio che sia solo un annuncio propagandistico è assai concreto se contemporaneamente non si costruiscono le condizioni fondamentali ed elementari per  lo sviluppo industriale. E se Moretti in questi anni ha privato i calabresi del diritto alla mobilità ha anche un’altra grande responsabilità: quella di aver impedito al porto di Gioia Tauro di poter avere lo sviluppo industriale di cui si ha bisogno. E su questo la Giunta regionale francamente appare inspiegabilmente silente

Share