• Home »
  • News »
  • Su iniziativa dell’Assessore Provinciale all’Agricoltura Gaetano Rao DALLA PROVINCIA, IL VIA LIBERA AL REGOLAMENTO FITOSANITARIO

Su iniziativa dell’Assessore Provinciale all’Agricoltura Gaetano Rao DALLA PROVINCIA, IL VIA LIBERA AL REGOLAMENTO FITOSANITARIO

 

In considerazione dell’elevato impatto ambientale dell’uso di tali mezzi di produzione,  la normativa vigente stabilisce condizioni e modalità dell’impiego dei fitofarmaci e prevede l’obbligo per gli operatori di possedere una specifica  autorizzazione all’uso dei prodotti fitosanitari.

La   Legge Regionale 34 del 2002   – sottolinea l’Assessore Rao – ha delegato   le funzioni del rilascio o del rinnovo  di detta autorizzazione alla Provincia. In ottemperanza alle vigenti normative in materia  e viste le numerose istanze rivolte al settore Agricoltura, l’Ufficio Fitosanitario Provinciale  ha organizzato ed organizza i corsi che permettono di conseguire l’autorizzazione per l’acquisto e l’uso dei fitofarmaci.

Nel solo anno  2011 sono stati attivati una decina di corsi su tutto il territorio provinciale e sono state emessi circa 300 autorizzazioni. Il Regolamento provinciale ha lo scopo di fornire uno strumento utile per gli operatori agricoli, che  vogliono  ottenere l’autorizzazione all’acquisto e all’utilizzo dei prodotti fitosanitari molto tossici, tossici e nocivi.

L’adozione per la prima volta nella storia dell’Ente – conclude l’Assessore Gaetano Rao –  di un Regolamento provinciale sulla materia rappresenta un utile strumento di informazione per tutti gli operatori agricoli, ed è in linea con gli obiettivi perseguiti dal Presidente Raffa e  dall’attuale Assessorato di voler offrire, con efficienza e trasparenza, i servizi richiesti dal mondo dell’agricoltura con puntualità ed attenzione al rispetto dell’ambiente e delle regole del mercato. L’avvenuta approvazione e conseguente adozione del Regolamento rappresenta pertanto un valido supporto per una generale e puntuale informazione degli operatori del comparto su tutto il territorio provinciale.

Share