Oliverio: “Nei prossimi giorni sarò nella Valle del Marro”

Il presidente della Regione, Mario Oliverio, condanna con fermezza l’ultimo tentativo della ‘ndrangheta di bloccare il progetto che don Pino De Masi e i ragazzi della Cooperativa “Valle del Marro” stanno portando avanti da dieci anni a questa parte nella Piana di Gioia Tauro, utilizzando i terreni confiscati alle ‘ndrine e invita i calabresi alla vigilanza e alla mobilitazione attiva.

“Bene ha fatto -ha detto il Governatore della Calabria- il Prefetto di Reggio Calabria, Claudio Sammartino, ad intensificare le misure di vigilanza e di controllo nei confronti della cooperativa dei giovani della Valle del Marro che gestiscono da dieci anni i terreni confiscati alla ‘ndrangheta nella Piana di Gioia Tauro.

I 96 alberi di ulivo tagliati la scorsa notte da mani ignote e criminali rappresentano l’ennesimo tentativo della ‘ndrangheta di rialzare la testa e di imporre la propria legge con la violenza, la paura e l’intimidazione.  Ancora una volta la sfida è al cuore dello Stato e, quindi, ad ognuno di noi.  E’ la sfida alla Calabria onesta e laboriosa, che vuole scrollarsi, una volta per tutte, il marchio infamante di regione “mafiosa” e lavorare per costruire una cultura della legalità, delle regole e della trasparenza. Per questo occorre reagire subito con fermezza, senza esitazione, facendo ognuno la propria parte. Le parole stanno a zero. Alle minacce e alle intimidazioni mafiose occorre rispondere con fatti tangibili, concreti, credibili. Mettendo in campo nuovo progetti e investendo risorse adeguate per realizzarli. Noi lo faremo”.

“Nei prossimi giorni –ha aggiunto il Governatore della Calabria-  accompagnato dal Direttore Generale del Dipartimento “Agricoltura” della Regione Calabria e dal dirigente per la programmazione dei fondi comunitari, mi recherò personalmente nei luoghi in cui è avvenuto questo scempio ed incontrerò don Pino De Masi ed i suoi ragazzi per esprimere loro la mia solidarietà e la mia vicinanza, ma anche e soprattutto per dire loro che li sosterremo concretamente, investendo su questo progetto della Valle del Marro, che è diventato luogo di lavoro e scuola di legalità e di riscatto a cui la Calabria intera deve guardare, risorse comunitarie consistenti destinate all’agricoltura e all’affermazione della legalità per la difesa della libertà e la dignità del nostro popolo”.

“I calabresi –ha concluso il presidente Oliverio- sono stanchi di subire minacce ed intimidazioni e vogliono vivere in una regione normale in cui progetti come quelli portati avanti da don Pino e dai suoi ragazzi abbiano piena cittadinanza e concreta realizzabilità”. f.d.