Kitesurf sullo stretto

A scrivere il copione di una gara cosi’ particolare, da 6 anni, e’ l’associazione sportiva ”NewKiteZone di Pellaro (RC)” che e’ riuscita a trasformarla in un evento tra i piu’ noti nel panorama italiano degli sport acquatici ed una delle prime quattro manifestazioni di settore d’Italia per notorieta’ e partecipazione. Giovani, uomini e donne, ogni anno, sono sempre piu’, vittime di questo sport che affascina. A guardare il numero degli interessati e dei curiosi si scopre essere dinanzi ad una disciplina in crescita esponenziale, tanto che il kitesurf puo’ essere certamente definito lo sport d’acqua del prossimo futuro. Tantissimi iscritti confermano, di anno in anno, la loro partecipazione e nuovi partecipanti si fanno avanti nella gara. Tra le attivita’ che animano il SurfVillage ogni giorno la piu’ importante e’ la Race per far scorrere sotto le pinne della tavola i 23 km che occorre percorrere per andare dalle sponde del lungomare di Reggio Calabria fino a quelle siciliane, in prossimita’ di Tremestieri, un percorso estenuante, duro e tatticamente completo che crea una gara molto particolare ricca di emozioni, sorpassi, allunghi in mezzo allo Stretto dove l’unica regola e’ quella della lealta’ e l’unica reale meta e’ la ricerca del proprio limite o del record da battere. ”Quello che nel corso degli sei anni passati dietro l’organizzazione di questo evento posso dire essere rimasto intatto – afferma l’organizzatore della manifestazione Agostino Martino, presidente dell’Associazione sportiva NewKiteZone di Punta Pellaro di Reggio Calabria – e’ questo binomio di semplicita’ e spettacolarita’ sportiva che crea un clima di indescrivibili emozioni. Solo chi partecipa puo’ capirlo bene vivendole sulla propria pelle durante una corsa pazza, velocissima e cosi’ coinvolgente da riuscire a trasferirle al pubblico”.

Share