No rigassificatore, lettere minatorie a Raffa, Grimaldi, Stasi, Dattola e Tomat

Mercoledì 27 Marzo 2013 18:45 – Lettere contenente minacce di morte, indirizzate al presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa, poi quello dell’Autorità portuale, Giovanni Grimaldi, quindi anche la vicepresidente della Giunta regionale, Antonella Stasi, e al comandante della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, Diego Tomat e Dattola della Camera e Commercio. Le buste, affrancate ma prive di annullo postale, conteneva un foglio con il seguente messaggio: “Ammazzeremo voi e la vostra famiglia se a Gioia Tauro costruiranno il rigassificatore noi non lo vogliamo”, firmato da “Movimento Calabria Libera San Ferdinando “. Lo scorso 23 marzo, in occasione della riunione del comitato portuale a Gioia Tauro, e’ stata deliberata a maggioranza, col voto favorevole anche del presidente Raffa, la concessione dell’area sulla richiesta di concessione demaniale avanzata dalla societa’ “Lng Medgas Terminal”.

Share