• Home »
  • News Calabria »
  • l Progetto di accoglienza di Gioiosa Ionica raccontato in un libro che verrà presentato domani a Palazzo Amaduri.

l Progetto di accoglienza di Gioiosa Ionica raccontato in un libro che verrà presentato domani a Palazzo Amaduri.

Rete delle Comunità Solidali Società Cooperativa SANKARA
Via Savonarola, 2 -10022 Carmagnola (Torino) Viale Rimembranze, 160 – 89042 Gioiosa Ionica (RC)
Tel. 0964.412436 P.IVA: 02857070805
www.comunisolidali.org C.F.: 90032470800
e-mail: coopsankara@gmail.com
pec: coopsankara@pec.it
Il Progetto di accoglienza di Gioiosa Ionica raccontato in un libro che verrà presentato domani
a Palazzo Amaduri.
Domani 3 novembre 2022, il Comune di Gioiosa Ionica, la Rete delle Comunità Solidali e la Società
Cooperativa Sankara – Enti attuatori del Progetto di accoglienza SAI del Comune di Gioiosa Ionica
– e il Servizio Centrale SAI, presenteranno il libro “Taxi sociale – luoghi e comuni in continua
evoluzione”, scritto da Chiara Sasso e Roberta Ferruti.
La presentazione si terrà presso Palazzo Amaduri a Gioiosa Ionica alle ore 18:30 alla presenza di una
delle autrici, Roberta Ferruti. Saranno inoltre presenti il Sindaco di Gioiosa Ionica Salvatore Fuda,
l’ex Sindaco del Comune di Caulonia Ilario Ammendolia e l’economista Federica Roccisano.
Modererà Alessia Barbiero, Responsabile dei Progetti SAI di Re.co.sol e della Società Cooperativa
Sankara.
Il testo ci porterà lungo i percorsi delle comunità e associazioni solidali presenti sul territorio
nazionale con storie, testimonianze, esperienze da diffondere e condividere. Un viaggio organizzato
in tre aree d’intervento, suddivise in tre capitoli: In tempo di Covid, Accoglienza, Buone Pratiche,
con 53 storie per scoprire un’Italia che resiste e che nonostante tutto continua ad esserci.
Così descrive l’idea alla base del testo il Presidente della Rete delle Comunità Solidali, Giovanni
Maiolo: “Ci siamo limitati a fare una panoramica, provare a dare una chiave di lettura differente
della situazione italiana di oggi. Storie diverse su temi diversi che per praticità abbiamo diviso in tre
capitoli – in tempo di pandemia, buone pratiche e accoglienza- ma ugualmente significative di
un’Italia che al di là della retorica, convive e si arricchisce della contaminazione, dalla mescolanza
tra le culture. E’ un libro in cui ognuno ha dato un suo contributo, un collage di alcune delle
esperienze più significative che abbiamo conosciuto in Italia. Ringraziamo perciò tutte le persone
amiche che ci hanno inviato segnalazioni, i sindaci di tutti i nostri Comuni che hanno saputo, ancora
una volta, distinguersi per la loro carica di umanità”.