Locri, si sblocca il servizio di elettroencefalogramma per Maria Pia

Per la situazione di Maria Pia ed il blocco del servizio di elettroencefalogramma presso l’Ospedale di Locri, stamattina sono stata contattata direttamente dalla Presidenza della Giunta Regionale su incarico dello stesso Presidente Roberto Occhiuto, il quale aveva appena ricevuto il mio ultimo appello. A conclusione della gentilissima ed ampia interlocuzione telefonica mi è stato assicurato che si sarebbe provveduto nell’immediato per l’esame di Maria Pia e che contestualmente sarebbe stato attivato l’iter per la ripresa del servizio presso l’Ospedale di Locri, a beneficio di tutta l’utenza. Che dire, sono contenta come Mamma e come Presidente dell’Associazione Commatre, per la positiva conclusione della vicenda e del risultato ottenuto per tutti quanti gli utenti che ne avranno bisogno. Sento il dovere di ringraziare il Presidente Occhiuto che sebbene impegnato a fondo per affrontare e risolvere i mille problemi, individuali e generali, della sanità calabrese, ivi compreso l’Ospedale di Locri, non ha esitato a prendere atto dell’urgente necessità di tutelare la salute di Maria Pia e nel contempo di garantire il servizio a tutti, lo ha fatto con sensibilità, rapidità ed efficacia, non appena ha avuto conoscenza di questa criticità dell’Ospedale locrese. Ci tengo a ringraziare il gruppo di persone che mi hanno sostenuta con intensità, dedizione ed amorevolezza, spendendosi in tutto e per tutto, nonché coloro che lottano associativamente per i diritti di tutti i disabili e le loro Famiglie. Stanca, asciugata, distrutta, ma soddisfatta per le assicurazioni ricevute dal Presidente Occhiuto, su cui non posso dubitare sulla concreta e più rapida definizione dei problemi esposti. Simona Coluccio Mamma di Maria Pia Gioiosa Jonica, lunedì 3 ottobre 2022
>>