Ndrangheta: Fidanzata Mancuso denigro’ Klaus davi, le sue interviste sono false

Le intercettazioni di un colloquio in carcere sono agli atti di Rinascita Scott

“Quello che scrive Klaus Davi è tutto falso. Tuo fratello Giuseppe non ha mai detto che per lui sei morto”. A parlare è Nancy Chimirri fidanzata di Emanuele Mancuso, figlio di Pantaleone, che ora è un collaboratore di giustizia. Agli atti del processo contro alcuni esponenti del clan Mancuso di Limbadi portato avanti dalla procura di Catanzaro spuntano i dialoghi in carcere fra Emanuele Mancuso, figlio di Pantaleone, e la giovane donna. Nei brogliacci si legge: “CHIMIRRI Nancy continua con la delegittimazione del propalato di MANCUSO Emanuele, riferendogli di non essere sano mentalmente. Inoltre la ragazza riferisce dell’intervista effettuata dal giornalista Klaus DAVI a suo fratello Giuseppe Salvatore, rinnegando il fatto che quest’ultimo avesse riferito che per lui Manuele ‘era morto’. Tali passaggi denotano ancora una volta come CHIMIRRI Nancy parteggi per il gruppo criminale di ‘MANCUSO Pantaleone’, sfruttando tali occasioni di contatto con Emanuele MANCUSO per chiedergli di uscire dal percorso collaborativo intrapreso”.

Pochi giorni prima Klaus Davi e Alberto Micelotta avevano realizzato un’intervista a Giuseppe Mancuso presso la villa in cui risiedeva la famiglia del boss a Nicotera. Davi aveva suonato al campanello e Giuseppe – in quei giorni ai domiciliari – si era avvicinato al cancello della villa. Nel video, girato il 21 luglio 2018 ancora disponibile su YouTube https://youtu.be/NyHsLHksAvQ, Giuseppe Mancuso dice a Davi: “Te ne vai di qua che sono ai domiciliari, vai va…”, al che il massmediologo chiede: “Chi è ai domiciliari, Giuseppe sei tu?”, “Sì sono io”, risponde Giuseppe; e Davi: “A te cercavo, che succede qua? Di Emanuele che mi sai dire?”, “È Morto”, sentenzia Giuseppe.
Il dialogo in carcere tra la Chimirri e Mancuso prosegue. Emanuele: “Tu lo sai che con le dichiarazioni …incomprensibile…”; Nancy: “Ma tu lo sai che non stai bene con la testa? Lo sai?”; Emanuele: “Lo sai. incomprensibile…nella testa?”(fa un gesto con l’indice della mano sinistra, molto probabilmente come se volesse mimare il gesto di “sparare”). Nancy chiede a Emanuele se ha saputo che a casa è andato il giornalista “KLAUS”, Emanuele chiede cosa è andato a fare, Nancy dice che lo ha visto suo fratello (Giuseppe). Nancy dice che Klaus ha messo la notizia sul giornale che suo fratello (Giuseppe) ha dichiarato che Emanuele per lui “era morto”, ma Nancy dice che tutto ciò non risponde a verità. Emanuele dice che lui non ha giornali. Poi parlano di avvocati ma la conversazione non è comprensibile: Nancy dice a Emanuele che l’ha presa in giro. Lui ha saputo che lo ha rinnegato dopo questa situazione. Emanuele dice che anche la zia lo ha rinnegato. Ma Nancy nega tutto ciò. Nancy dice che suo fratello è dispiaciuto di questa situazione e non ha paura delle sue dichiarazioni. Nancy dice che suo fratello sta lavorando in giardino e lo sta mettendo a posto.

Secondo la Polizia Giudiziaria: “Emerge ancora una volta l’atteggiamento di delegittimazione posto da parte di CHIMIRRI nei confronti di MANCUSO Emanuele, al quale ribadisce che le dichiarazioni effettuate in sede di collaborazione, anche se apprese da terzi soggetti, sono tutte false. Successivamente la CHIMIRRI delegittima l’operato dell’Autorità Giudiziaria e delle Forze di Polizia, insinuando che al suo compagno che lui ha intrapreso questa scelta perché non sta bene. E ancora, la CHIMIRRI finge che MANCUSO Giuseppe Salvatore non ha paura delle dichiarazioni che il MANCUSO Emanuele renderà all’ A.G. ( circostanza di lì a poco smentita dalla sua irreperibilità) e finge che lo stesso Giuseppe sia dispiaciuto per quanto sta accadendo ( dato smentito dalla registrazione audio nella quale si lascia andare davanti al giornalista Klaus Davi, dicendo che il fratello “Emanuele è morto”). Infine, la donna passa alla forma ricattatoria, riferendo di essere disposta a portarle tutte le volte che lo vorrà sua figlia Helen in carcere qualora MANCUSO Emanuele non collaborasse più con l’AG, prospettandogli ancora una volta che se così fosse (rectius se MANCUSO cesserà la collaborazione) loro potranno continuare ad avere una vita assieme”.