• Home »
  • News Calabria »
  • Riunito Esecutivo CISL Calabria. Il Segretario generale Tonino Russo: attenzione al drammatico problema della sicurezza sul lavoro

Riunito Esecutivo CISL Calabria. Il Segretario generale Tonino Russo: attenzione al drammatico problema della sicurezza sul lavoro

Lamezia Terme, 19.10.2022 – «La nostra attenzione – ha detto il Segretario generale della CISL Calabria Tonino Russo, aprendo i lavori del Comitato Esecutivo regionale dell’organizzazione sindacale, riunito a Lamezia – è prioritariamente rivolta al drammatico problema della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Questa è la settimana delle assemblee in azienda. Sabato una nutrita delegazione della CISL calabrese sarà presente alla manifestazione nazionale unitaria in Piazza Santi Apostoli a Roma per ricordare al futuro Governo, alla politica, ai responsabili della sicurezza, alle aziende, che dietro i numeri – 600 morti, 400.000 infortuni, 77% di irregolarità aziendali in Italia nel 2022 – ci sono persone e famiglie».
La relazione introduttiva di Russo ha toccato poi altri temi “caldi” della situazione socio-economica calabrese, soprattutto l’emergenza lavoro, che può essere affrontata non con l’assistenzialismo, ha sottolineato il Segretario, ma solo mettendo a terra gli investimenti, impiegando le risorse del Pnrr, aprendo cantieri. Per la Cisl regionale bisogna finalmente procedere al completamento della S.S. 106, con il prolungamento fino a Reggio Calabria; accelerare sull’alta velocità ferroviaria e sui lavori della linea ionica per garantire finalmente un collegamento efficace e veloce di quel territorio con il resto della regione; spingere per concretizzare l’intermodalità per il porto di Gioia Tauro; rendere operative le Zone Economiche Speciali per attrarre investimenti.
Un giudizio positivo è stato espresso dal Segretario Generale della Cisl regionale sul Cis “Volare”, «uno strumento per il quale è previsto un investimento di oltre 216 milioni immediatamente cantierabili sui 3 aeroporti calabresi».
Restano i gravi problemi della Sanità calabrese: si valuta tuttavia molto positivamente, ha sottolineato Russo, «l’accordo sottoscritto nei giorni scorsi con la Regione per stabilizzare il personale precario. Ora bisogna andare avanti speditamente avviando le procedure concorsuali per reclutare nuovo personale e colmare le lacune che emergono dai piani del fabbisogno».
Insieme a quella del caro bollette, delle difficoltà per le imprese e del rischio di povertà energetica per molte famiglie, abbiamo davanti altre sfide per il rilancio della Calabria, ha detto ancora il Segretario: dalla valorizzazione delle ricchezze naturali, del mare, della montagna, alla riorganizzazione dei consorzi di bonifica per manutenere il territorio ed erogare servizi qualificati per l’agricoltura. «Solo così – ha concluso il Segretario generale della Cisl regionale – si può dare dignità al lavoro, bloccare l’emorragia di giovani verso altri territori, frenare lo spopolamento delle aree interne».
Alla relazione è seguito un dibattito molto partecipato, con l’intervento di tutte le federazioni di categoria e delle strutture Cisl territoriali, in cui sono stati ripresi e pienamente condivisi i contenuti della relazione.
Nel corso dei lavori, il Comitato Esecutivo ha espresso una ferma condanna delle vili intimidazioni rivolte al Segretario Generale Luigi Sbarra e a diverse sedi Cisl, esprimendo la solidarietà della Cisl calabrese nei confronti di Sbarra e degli iscritti dei territori colpiti.