• Home »
  • Gioia Tauro »
  • Gioia Tauro, Mercato settimanale: il sindaco Pedà ha incontrato le associazioni di categoria

Gioia Tauro, Mercato settimanale: il sindaco Pedà ha incontrato le associazioni di categoria

Previsti una serie di interventi per migliorare il tradizionale appuntamento del lunedì

Il sindaco di Gioia Tauro Giuseppe Pedà ha incontrato ieri mattina a palazzo S. Ippolito i rappresentanti delle associazioni di categorie per discutere dei miglioramenti da apportare al tradizionale mercato settimanale gioiese.

All’incontro hanno partecipato i rappresentanti della Confesercenti Rosario Antipasqua ,della Confcommercio  Bruno Quattrone e Carmelo Altomonte, il comandante della polizia locale ed i consiglieri comunali Antonio Parrello e Nicola Zagarella.

“E’ stato un incontro decisamente positivo – ha commentato il sindaco Giuseppe Pedà – abbiamo concordato una serie di interventi che miglioreranno il decoro del mercato gioiese, aiuteranno i commercianti a incrementare gli affari ed i cittadini a ottenere un servizio migliore”.

Il mercato sarà riorganizzato e le diverse attività saranno riposizionate seguendo un criterio che migliorerà l’efficienza e agevolerà gli utenti. Sarà garantita maggiore pulizia della zona e in collaborazione con le associazioni di categoria, sarà stilato un nuovo regolamento che vada incontro alle nuove esigenze e sostituisca quello attuale che risale a più di dieci anni fa.

Inoltre la collaborazione tra l’Arca servizi (l’azienda che si occupa della tassa sull’occupazione degli spazi pubblici), la polizia locale ed i commercianti, permetterà di aumentare le tutele nei confronti degli ambulanti in regola che in passato hanno dovuto subire la concorrenza  degli abusivi.

“Tutelare chi rispetta le regole – ha concluso Pedà – per noi è  la priorità. La  collaborazione tra tutti gli attori interessati porterà i clienti ad avere maggiori garanzie sui prodotti acquistati ed eliminerà la concorrenza non leale che ha penalizzato in passato gli operatori del commercio che agiscono nel rispetto della legge”.