Rizziconi, Fabio Pelle ringrazia i 240 elettori

L’impegno politico è una manifestazione del proprio dovere civile, nei confronti di una comunità, che ogni giorno è “casa” sociale e lavorativa,  il mio, in particolar modo, si  fonda e trova ispirazione dalle noti dottrinale del Magistero della chiesa Cattolica,  riguardante, appunto,  l’impegno in politica dei cattolici.

Confidando sull’esortazione della Dichiarazione dei vescovi della Commissione delle Conferenze episcopali dell’Unione europea (COMECE): “abbiamo bisogno di politici coraggiosi, competenti e motivati da valori e che perseguano veramente il bene comune. È nostra responsabilità fare la scelta migliore possibile nelle prossime elezioni”, ho mosso i miei passi in questo cammino, progetto politico Avanti Rizziconi. Ho messo a disposizione il mio essere, cosciente delle responsabilità da assumere dinnanzi a coloro che avrebbero confidato e creduto nel mio operato.

Il mio più sincero ringraziamento, va prima di tutto, a colui che mi ha permesso di essere parte attiva del progetto e poter assumere la responsabilità di servire il cittadino e tutta la comunità, con la sua sincera accoglienza: Alessandro Giovinazzo .

Ringrazio la mia famiglia, la quale non è mai mancata con il sostegno e l’insegnamento di valori sani e preziosi, per affrontare il quotidiano e le sue difficoltà.

Il mio percorso centrato su tali valori, non ha trovato appoggi esterni, ma è scaturito, cresciuto ed affermatosi sulle mie singole forze, sulla mia determinazione e sul mio lavoro costante e solidale, per questo io non posso riconoscere il mio grazie a coloro, che nella cabina elettorale, a cospetto della loro coscienza, hanno scritto sulla scheda 240 volte il mio nome.

Essi rappresentano, per me, la spinta per continuare sempre il mio cammino, con la mia ideologia, il punto focale per non perdere la fiducia in ciò che fortemente ho “urlato” in questa campagna elettorale.

Un grazie a tutti i candidati, che hanno condiviso con me questa campagna, e a tutti loro che formano la lista di Avanti Rizziconi, che sento di poter chiamare Amici, ai quali auguro un impegno leale e prospettato alla massima responsabilità, contraddistinto da trasparenza e onestà a favore del bene comune. In particolare, ho una semplice grande richiesta da fare (considerato che il mio servizio non verrà meno): “fissare lo sguardo alla fascia debole e disagiata” perché è facile parlare di povertà, ma difficile incontrarla e assaporarne la vera bellezza, per poterla edificare.

Auguri di buon lavoro agli amici della lista Avanti Rizziconi  di impegnarsi con la  massima responsabilità, trasparenza e onestà a favore del bene comune , soprattutto di fissare lo sguardo in maniera particolare alla fascia debole e disagiata