NDRANGHETA. A Milano, spuntano i bunker come in Aspromonte

– ha spiegato il pm della Dda di Milano, Alessandra Dolci – come quelli che siamo soliti trovare in realta’ come San Luca o Plati’. Determinanti per l’operazione condotta dai carabinieri del comando provinciale di Milano e coordinata dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dai pm Alessandra Dolci e Cecilia Vassena, sono state le rivelazioni del ‘nuovo’ pentito della ‘ndrangheta in Lombardia, Michael Panaja, che era stato arrestato assieme a un altro pentito, Antonino Belnome (che ha gia’ parlato di alcuni omicidi avvenuti negli ultimi anni), perche’ ritenuto uno dei responsabili dell’omicidio di Carmelo Novella. Quest’ultimo, ‘capo dei capi’ delle cosche dalla ‘ndrangheta in Lombardia, venne ucciso in un bar nel milanese nel luglio 2008, perche’ voleva rendere autonome le ‘locali’ lombarde dalla casa madre calabrese. Panaja avrebbe svelato le attivita’ delle cosche lombarde dal luglio 2010 in poi, rivelando quanto accaduto dopo il maxi-blitz ‘Infinito’ della Dda di Milano che aveva portato ad oltre 170 arresti e a 110 condanne con rito abbreviato. Gli investigatori hanno scoperto che, oltre al traffico di droga e alla detenzione di armi (Kalashnikov, mitragliette Uzi, bombe a mano), l’organizzazione si occupava di usura ed estorsioni nei confronti di imprenditori locali, soprattutto di origini calabresi. Quasi nessuno ha denunciato le vessazioni, restando in un clima di omerta’ che ha ostacolato le indagini. Anche un politico, Francesco Gioffré, consigliere comunale di Seregno (Milano), con un atteggiamento ”vicino alla connivenza”, scrive il gip nell’ordinanza, tento’ ”di minimizzare” con le sue dichiarazioni agli inquirenti le minacce subite dal fratello Roberto, vittima di estorsione da parte della cosca della ‘ndrangheta dei Cristello. Nonostante cio’, sono tanti gli episodi raccolti dai militari, a partire dal 2007, quando le vittime dell’estorsione furono i titolari della concessionaria di auto ”Selagip 2000” di Giussano, a cui venne chiesto il pagamento di 500mila euro dopo minacce, telefonate minatorie, attentati incendiari, e l’esplosione di colpi di pistola contro le vetrine. E’ del 2010, invece, quella nei confronti di Domenicantonio Fratea, imprenditore nel settore immobiliare e titolare di una bar a Giussano. A lui vennero chiesti 80mila euro con la medesima modalita’ intimidatoria. La lista prosegue con Roberto Gioffre’, titolare di una sala giochi che alla fine del 2010 fu costretto a rinunciare a un credito di 70mila euro, che vantava nei confronti di alcuni affiliati, dopo numerose minacce. Infine, Stefano Sironi, imprenditore edile di Giussano, costretto a riconoscere interessi esorbitanti sulle somme prestate dalla cosca.

Share