IL GATEWAY DI GIOIA TAURO E LA POLITICA DEL SILENZIO

Tacciono il Presidente della Regione Scopelliti, e la sua vicepresidente Stasi, mentre paradossalmente parlano, con fini strumentali, i tanti fedelissimi pronti, con comunicati a raffica, a difendere le scelte di un esecutivo che continua a lasciare sulla sua strada marcate tracce di malcontento.

 

Difficile credere che chi rappresenti la Giunta Regionale in sede di comitato di Sorveglianza POR Calabria – FRS  non abbia colto o sospettato le reali intenzione delle Ferrovie di investire altrove, al Nord per essere precisi, i fondi assegnati a Gioia Tauro  con la  firma dell’APQ. Difficile quindi dichiararsi esenti da responsabilità.

Sul polo ferroviario a servizio del porto reggino poi sono state dette e scritte tantissime cose: annunci roboanti, prese di posizione che, come da copione, terminano esaltando i vertici della politica e dell’amministrazione. Oggi stranamente, davanti al pericolo di perdere anche questa grossa occasione di sviluppo, nessuno vede il pericolo: né il Governatore né la sua vice né, tantomeno, coloro i quali da sempre alimentano il mito di certi leader made in Calabria.

La triste realtà dei fatti purtroppo squarcia il velo su tutte le falsità raccontate ai calabresi e mette a nudo l’incapacità di chi ci amministra: questa è la volta del disimpegno delle ferrovie sui fondi europei per Gioia Tauro, poi chissà.  Ai calabresi in questi anni è stata fatto andar giù di tutto, indorando la pillola con la presunta bontà delle decisioni prese, ed ecco i risultati: il lavoro che non c’è, l’emergenza ambientale con il caos rifiuti, il turismo sempre più in crisi anche grazie alla “qualità” delle nostre acque, la sanità che sprofonda in una sorta di pozzo senza fondo e i fiumi di soldi per i settori produttivi da sempre pronti ad essere sbloccati che però rimangono ancora sulla carta.  Allora, credo che davvero abbia ragione il Presidente della Provincia di Reggio quando dice che su Gioia Tauro ( ma il suo pensiero credo tocchi anche altri settori socio – economici della nostra regione) non bisogna fare sconti a nessuno: né agli amici di partito e coalizione, né agli avversari.

Questa vicenda infatti è talmente grave  che i calabresi, dovrebbero  impegnarsi  in una protesta senza precedenti, gandhiana come dice Raffa, ma ferma  e senza guardare in faccia nessuno.

Le domande di Raffa, come le perplessità del sindacato, sono tutte da sottoscrivere e rilanciare.  E  nessuna esitazione dovrà frenare il nostro agire:  a Reggio come in tutta la Calabria,  a Gioia Tauro come a Roma.  Attendere ancora potrebbe  vanificare anche le buone intenzioni:  mai come in questo momento i reggini, i calabresi, dovrebbero assumere iniziative forti e ribellarsi al sottosviluppo alimentato dalla fragilità delle istituzioni, da una politica impotente che di fatto lasciano i cittadini in compagnia dei loro drammi, delle loro sofferenze  e delle loro paure.

f.to Antonio Eroi

Share